Che vita sarebbe senza sogni? Una vita senza fantasia, desideri, aspirazioni.

Perché leggere questo blog? Perché una volta qualcuno ha detto "Siamo fatti anche noi della materia di cui son fatti i sogni, e nello spazio e nel tempo d'un sogno è racchiusa la nostra breve vita" (William Shakespeare)

martedì 5 aprile 2011

Cavalli

L'altra notte ho sognato che ero con una mia amica: dopo essere state una giornata insieme la accompagno davanti il cancello di casa sua, sul picco della montagna, circondata dalla prateria. A un certo punto, mentre ci salutiamo, ci mettiamo a piangere: lei, infatti, stava per andare ad abbattere il suo cavallo, perché ormai troppo malato e anziano.


Detto così, questo sogno potrebbe anche sembrare semplice, se solo non fosse che questa mia amica:
1) non abita in montagna (tanto meno in una villa con un grande cancello e una prateria);
2) e non ha un cavallo!


Così, come sempre, ho fatto le mie piccole ricerche e ho trovato: "Nei sogni il cavallo appare come simbolo dei contenuti inconsci della psiche, dell’istintività incontrollata, della forza ed energia vitale."


Poi ho pensato: ma il cavallo non era mio e stava per essere abbattuto. Quindi? Bella domanda...



1 commento: